Attendere prego!
   Caricamento   
Annunziante il Regno di Geova
Annunziante il Regno di Geova
Venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà, come in cielo cosi in terra.
Questo è il sito ufficiale dell' Associazione Internazionale Testimoni di Geova

L'argomento del mese di Aprile

HA ISTITUITO CRISTO LA LITURGIA?

 

 
Il National Catholic Almanac (1951) descrive la liturgia come “il perfetto atto di adorazione che può essere realizzato per Dio.” Lo stesso Almanacco Cattolico Nazionale (1948) dice: “La liturgia è il rinnovamento incruento del Sacrificio del nostro Signore sulla croce. In essa, il sacerdote, come rappresentante di Cristo, offre a Dio il pane e il vino, che Egli trasforma nel Corpo e Sangue di Nostro Signore nella Santificazione, e poi completa il sacrificio consumando il Sacrificio e bevendo il calice nella Comunione.” “La liturgia è la perpetuazione del sacrificio del Calvario” ed “è identica al sacrificio della croce.”

Ha istituito Gesù Cristo la liturgia in quell’ultima sera che ha trascorso con gli apostoli dopo aver celebrato la Pasqua? C’è stato un tempo in cui eri stato bruciato sul rogo, se facevi una domanda del genere. La storia racconta che un sarto inglese, un riformatore (un seguace di Wycliffe) di nome John Badby, fu bruciato sul rogo nel 1410 in Piazza Smithfield a Londra, perché sosteneva che Gesù Cristo, che era presente alla Cena, non poteva offrire ai discepoli il Suo corpo vivo da mangiare – L’Inghilterra nell’Epoca di Wycliffe, pagina 335.

La risposta alla domanda menzionata sopra in “The Catechism on Christian Doctrine” (1949) (edizione rivista del Catechism di Baltimora): “Il nostro divino Salvatore pronunciò la prima liturgia durante all’Ultima  Cena nella notte prima della Sua morte.” L’Enciclopedia Cattolica (volume X) sostiene questa affermazione e dice che Gesù, la sera prima della Sua morte, istituì non solo un’osservanza  della Sua morte, ma anche un vero sacrificio. Pur riconoscendo che l’argomento più forte per questo sostegno è la testimonianza della tradizione, questa autorità usa alcune scritture a favore per argomentare la sua posizione.

Una delle prove bibliche usate a sostegno di questo punto di vista sono le parole di Gesù durante la cena riguardo al pane e al vino: “Prendete mangiate, questo è il Mio corpo… E prese il calice, Egli rese grazie e lo diede loro, dicendo: Bevetene tutti; Perché questo è il Mio sangue del nuovo patto, che sarà versato per molti per il perdono dei peccati” (Matteo 26:26-29, Douay)

Secondo i teologi cattolici, quando Cristo ha detto queste parole, pronunciò le parole di “Santificazione”, che avrebbero avuto l’effetto di trasformare efficacemente il pane e il vino nel corpo letterale e nel sangue letterale di Cristo. La stessa autorità sostiene che ancora oggi: “nella celebrazione della Santa Messa, il pane e il vino sono trasformate nel corpo e nel sangue di Cristo. Questa cosa è  chiamata transustanziazione, perché nel Sacramento dell’Eucaristia, la sostanza del pane e quella del vino non dura, ma tutta la sostanza del pane si trasforma nel corpo di Cristo, e l’intera sostanza del vino viene trasformata nel Suo sangue, lasciando solo l’aspetto esteriore del pane e del vino”. Si sostiene che ogni sacerdote cattolico ordinato ha il potere di compiere il miracolo della transustanziazione.

Le parole di Gesù sul pezzo di pane azzimo e sul calice di vino rosso, non erano parole magiche, che avrebbero trasformato l’intera sostanza del pane e del vino letteralmente, nel corpo e nel Suo sangue. Le Sue parole indicavano il fatto che il pane e il vino erano simboli o emblemi. In armonia con questo, Moffatt traduce le parole di Gesù così: “Prendete e mangiate questo, essa significa il Mio corpo... Ne bevete tutti; questo significa il Mio sangue, il sangue del nuovo patto, versato per molti, per ottenere il perdono dei loro peccati.” Con queste parole Gesù iniziò la cena, che era separata o distinta dalla cena pasquale.

Il Pane e il vino erano simboli o emblemi. Dopo che Gesù ha “benedetto” gli emblemi, essi non sono stati cambiati nella sua stessa carne e sangue, perché Gesù (letteralmente) era ancora lì. Egli non era scomparso per apparire sotto forma di pane e vino. Dopo aver benedetto il calice, Egli chiamò il suo contenuto “il frutto della vigna” e non il sangue stesso (Matteo 26:29). Poiché Gesù ha bevuto dal calice, ha bevuto il Suo stesso sangue? Anche se il vino fosse diventato sangue vero, il suo consumo sarebbe stato proibito dalla Bibbia (Deuteronomio 12:16; Atti 15:20).

Se si verificasse un’effettiva transustanziazione dal vino al sangue, allora perché ci si riferisce alla liturgia come a un “sacrificio senza sangue?” Inoltre, se questo sacrificio è senza sangue, allora come può avere valore per togliere il peccato? L’apostolo Paolo ci assicura che “senza spargimento di sangue non c’è perdono” (Ebrei 9:22 Dy).

Non esiste nessuna prova che c’è un cambiamento di emblemi attraverso il rituale della liturgia. I simboli utilizzati hanno lo stesso sapore, colore, odore, peso e dimensione. Il pane ha sempre l’aspetto del pane, ha il sapore del pane, l’odore del pane e al toccare è come il pane. Ma nella mente di alcuni religiosi, essa è la carne di Dio. Il vino ha sempre l’aspetto del  vino, ha il sapore del vino, l’odore del vino e se qualcuno ne beve troppo, si ubriacherà.

Il Concilio di Trento annunciò che questa credenza nella transustanziazione è essenziale per la salvezza e pronunciò un anatema su tutti coloro che l’avrebbero negata. Il Consiglio ha incaricato i sacerdoti di spiegare che gli elementi della liturgia contenevano non solo carne, ossa e nervi come parte di Cristo, “ma anche un CRISTO INTERO.” L’Enciclopedia Cattolica dice: “Il dogma della totalità della Presenza Reale significa che in ogni parte dell’elemento è davvero presente il CRISTO INTERO, carne e sangue, corpo e anima, Divinità e Umanità”.

Offrendo il pezzo di pane, che diventa “Cristo”, si crede che il sacerdote sacrifichi Gesù Cristo. Il Concilio di Trento ha pronunciato una maledizione su chiunque credesse diversamente: “Se qualcuno dice che nella liturgia non è offerto a Dio un sacrificio vero e corrispondente ...che sia anatema”. Nella concezione religiosa, questo “sacrificio” è un rinnovamento del sacrificio sulla croce: “Cristo... comandò che il Suo sacrificio di sangue sulla croce fosse rinnovato quotidianamente mediante un sacrificio incruento del Corpo e del Sangue nella liturgia con elementi semplici del pane e del vino”. Poiché gli elementi sono cambiati in Cristo, Egli “è presente nelle nostre chiese non solo in modo spirituale, ma anche in modo reale, veramente e sostanzialmente come vittima di un sacrificio.” Nonostante che il rituale sia stato eseguito milioni di volte, si cerca di spiegare il fatto che è lo stesso sacrificio di quello del Golgota, perché la vittima, in ogni caso, è Gesù Cristo.

L’idea che Gesù Cristo debba essere offerto in sacrificio ripetutamente, da un sacerdote religioso, come un “rinnovamento” del sacrificio sulla croce non è affatto Scritturale. La Bibbia dice che ora Gesù Cristo è il Sommo Sacerdote. Gesù Cristo, il Re, è  subordinato forse  ai sacerdoti per sacrificarsi ogni volta che i  Rispettivi sacerdoti Lo desiderano? Certamente no! Inoltre, come Sommo Sacerdote, Egli non è subordinato a nessun sacerdote sulla terra. Altrimenti come può essere Sommo Sacerdote?

L’idea che Gesù Cristo debba essere offerto come sacrificio ripetutamente è contro la verità della Bibbia sulla redenzione. Infatti, gli antichi sacrifici dovevano essere offerti continuamente, perché nessuno di essi corrispondeva alla giustizia divina e non poteva redimere l’umanità dal peccato. Gli animali sono di un rango inferiore all’uomo, perciò non corrispondevano alla legge e alla giustizia divina. La legge di Dio richiedeva per la vita umana perfetta (persa da Adamo nell’Eden) un’altra vita umana perfetta. (Deutoronomio 19:21)

Nonostante la dottrina religiosa sostiene che il sacrificio di Cristo sulla croce dovrebbe essere “rinnovato ogni giorno”, come i sacrifici animali offerti in Israele, questo insegnamento non ha alcuna base biblica. L’apostolo Paolo contraddice persino questa affermazione quando dice di Gesù che “morì una volta per sempre (quindi non c’è bisogno di rinnovamento) per togliere il peccato.” – Romani 6:9,10, traduzione di Douay. Così come il sommo sacerdote d’Israele entrava nel Santo dei Santi, con il sangue dei sacrifici per il peccato, così Gesù Cristo si presentò in cielo, davanti a Dio, con il valore del Suo sacrificio – Ebrei 9:24. Il fatto che oggi, i sacerdoti religiosi non possono comparire davanti a Dio per presentare il loro sacrificio, costituisce un-ulteriore prova che Gesù Cristo non ha istituito il “sacrificio della liturgia”.

L’unico sacrificio di Gesù Cristo ha un valore sufficiente per essere applicato in qualsiasi momento per i peccati dell’umanità. Gesù non doveva essere offerto come sacrificio spesso, perché “così come fu stabilito che gli uomini muoiano una sola volta... così fu Cristo sacrificato SOLO UNA VOLTA per portare i peccati di molti” (Ebrei 9:25-28). Avendo in vista questo, coloro che credono che il sacrificio sulla croce debba essere continuamente rinnovato nella liturgia, in un certo senso, “lo crocifiggono di nuovo per se stessi  il Figlio di Dio e lo danno per deriso” (Ebrei 6:6).

Quando Gesù istituì la cena commemorativa, era notte. Non era durante la colazione o il pranzo. I primi cristiani parteciparono alla Cena del Signore di notte, seguendo l’esempio di Cristo, nel tempo stabilito, dopo il tramonto, quando gli antichi israeliti macellavano l’agnello Pasquale. Dopo i tempi apostolici, la Cena del Signore finì per essere tenuta in una riunione mattutina. Questa è un usanza comune sia nelle chiese cattoliche che in quelle protestanti per prendere la “Cena” del Signore al mattino. Un fattore che potrebbe  aver incoraggiato la liturgia tenuta al mattino presto è stata l’idea che la persona doveva digiunare prima di ricevere la comunione. È ovvio che la mattina presto era il momento giusto per poter adempiere più facilmente questo requisito! Ma questo requisito del digiuno non ha una base solida nella Scrittura, perché Gesù aveva appena mangiato prima di istituire la cena commemorativa!

Inoltre, c’è un grande contrasto tra il modo in cui Gesù celebrò questa cena e il modo in cui viene celebrata oggi. Un’opera religiosa conosciuta riassume il servizio meccanico svolto dal sacerdote durante la liturgia: “Egli fa il segno della croce sedici volte; gira la croce verso all’assemblea sei volte; alza gli occhi al cielo undici volte; bacia l’altare otto volte; intreccia le mani quattro volte; si batte il petto dieci volte; china la testa ventuno volte; si inginocchia otto volte; china le spalle sette volte; benedice l’altare con il segno della croce trenta volte; stende le mani sull’altare ventinove volte; prega nella sua mente undici volte; prega ad alta voce tredici volte; prende il pane e il vino e li trasforma nel corpo e nel sangue di Cristo; copre e scopre dieci volte il calice; va avanti e indietro venti volte.” Oltre a questo rituale complicato c’è l’uso di stanze (vestiti con i quali servono i sacerdoti) molto colorati, candele, campanelli, incenso, musica e uno sfarzo che colpisce gli occhi. Che contrasto con la semplice cena commemorativa istituita da Cristo!