Annunziante il Regno di Geova
Annunziante il Regno di Geova
Venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà, come in cielo cosi in terra.
Questo è il sito ufficiale dell' Associazione Internazionale Testimoni di Geova

Archivio argomenti

 
Il messaggio di Gesù Cristo alla gente
 
    Nelle parole iniziali del libro indirizzato agli ebrei, l'apostolo Paolo dice: “Dopo aver parlato anticamente molte volte e in molte maniere ai padri per mezzo dei profeti, in questi ultimi giorni ha parlato a noi per mezzo del Figlio, che egli ha costituito erede di tutte le cose, mediante il quale ha pure creato i mondi.”
      Purtroppo, dobbiamo ammettere che, anche se la maggior parte delle persone si dichiarano  cristiani, anche se nei calendari religiosi ci sono tante feste legate all'attività di Gesù Cristo sulla terra, l'insegnamento dato da Figlio di Dio non è conosciuto e quindi l'umanità è lontana sempre più da Dio attraverso la moralità, le speranze e le sue abitudini.
      Perché l'umanità si sta allontanando sempre più dalla moralità cristiana? Perché si sta allontanando sempre più da Dio? La bibbia mostra la causa di questa condizione che è stata ripetuta più volte nella storia umana: “Ascoltate la parola del Signore, o figli d'Israele. Il Signore ha una contestazione con gli abitanti del paese, poiché non c'è verità, né misericordia, né conoscenza di Dio nel paese.” - Osea 4:1
      Caro lettore, perché consideriamo che la vera ragione per l'alienazione dell'uomo da Dio, è la mancanza di conoscenza, vogliamo in poche parole, guardare con l'aiuto delle Sacre Scritture in cosa consisteva il messaggio di Gesù Cristo per l'umanità. E' vero che il frastuono della vita moderna, priva l'uomo del suo tempo, ma, per coloro che temono Dio, le parole della Bibbia dovrebbero avere un significato speciale: “Poiché io desidero bontà, non sacrifici, e la conoscenza di Dio più degli olocausti.” - Osea 6:6
      Mosè, il più grande profeta della storia antica del popolo di Dio, fu ispirato a scrivere: “Io farò sorgere per loro un profeta come te in mezzo ai loro fratelli, e metterò le mie parole nella sua bocca ed egli dirà loro tutto quello che io gli comanderò. Avverrà che, se qualcuno non darà ascolto alle mie parole che egli dirà in mio nome, io gliene domanderò conto.” - Deuteronomio 18:18,19.
      Più di 34 prove bibliche dimostrano che Gesù Cristo può essere identificato con certezza come Messia, L'unto promesso da Dio. Tutte queste prove delle scritture si compiono nella vita e la Sua attività, dalla nascita fino alla morte.
      Dopo il battesimo nelle acque di Giordano, le prime parole che Gesù rivolse ai uomini erano: “Da quel tempo Gesù cominciò a predicare e a dire: «Ravvedetevi, perché il regno dei cieli è vicino».” (Matteo 4:17). Queste parole evidenziano due cose importanti: 1) la necessità per ogni uomo a tornare dalle sue cattive azioni, di pentirsi, di conoscere e fare la volontà di Dio, e 2) che il Regno è vicino.
      Spiegando il significato delle parole di Gesù "Convertitevi", l'apostolo Paolo si rivolge ai Ateniesi così: " Il Dio che ha fatto il mondo e tutte le cose che sono in esso, essendo Signore del cielo e della terra, non abita in templi costruiti da mani d'uomo; e non è servito dalle mani dell'uomo, come se avesse bisogno di qualcosa; lui, che dà a tutti la vita, il respiro e ogni cosa. Egli ha tratto da uno solo tutte le nazioni degli uomini perché abitino su tutta la faccia della terra, avendo determinato le epoche loro assegnate e i confini della loro abitazione affinché cerchino Dio, se mai giungano a trovarlo, come a tastoni, benché egli non sia lontano da ciascuno di noi. Difatti in lui viviamo, ci muoviamo e siamo, come anche alcuni vostri poeti hanno detto: "Poiché siamo anche sua discendenza ". Essendo dunque discendenza di Dio, non dobbiamo credere che la divinità sia simile a oro, ad argento, o a pietra scolpita dall'arte e dall'immaginazione umana. Dio dunque, passando sopra i tempi dell'ignoranza, ora comanda agli uomini che tutti, in ogni luogo, si ravvedano, perché ha fissato un giorno nel quale giudicherà il mondo con giustizia per mezzo dell'uomo che egli ha stabilito, e ne ha dato sicura prova a tutti risuscitandolo dai morti». " - Atti 17:24-31
      Per quanto riguarda il Regno di Dio, Gesù ha enunciato tanti esempi che ha poi interpretato ai discepoli, e attraverso la Bibbia, la comprensione di questa grande verità può essere accessibile a chiunque. La verità riguardante il regno di Dio non è limitata a determinate persone. Così, Egli stesso confessa questa verità in pubblico e ha mandato i suoi discepoli a proclamare le verità pronunciate da Lui fino agli estremi confini della terra . Da allora in poi, questa verità è conosciuta come il "vangelo del regno" o "la buona notizia del regno" . "«Voi dunque ascoltate che cosa significhi la parabola del seminatore! Tutte le volte che uno ode la parola del regno e non la comprende, viene il maligno e porta via quello che è stato seminato nel cuore di lui: questo è quello seminato lungo la strada. Quello seminato in luoghi rocciosi è colui che ode la parola e subito la riceve con gioia, però non ha radice in sé ed è di corta durata; e quando giunge la tribolazione o persecuzione a motivo della parola, è subito sviato. Quello seminato tra le spine è colui che ode la parola; poi le ansiose preoccupazioni mondane e l'inganno delle ricchezze soffocano la parola, che rimane infruttuosa. Quello invece seminato nella terra buona è colui che ode la parola e la comprende; egli quindi porta del frutto e rende il cento, il sessanta e il trenta per uno»." - Matteo 13:18-23
      Il regno di Dio non si riferisce solamente al mondo degli spiriti, come dimostra anche la preghiera che Gesù ci ha insegnato: “Voi dunque pregate così: “Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome; venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà, come in cielo, anche in terra … .” (Matteo 6:9,10) Inoltre, Gesù Cristo disse: “Beati i mansueti, perché erediteranno la terra.” (Matteo 5:5).
      Il Padre del Signore Gesù, colui che ha mandato Suo Figlio a confessare la verità, ha un nome. Questo nome del Padre, Geova Dio, si santificherà mediante la manifestazione della Sua potenza e metterà fine al male causato dallo spirito ribelle, Satana il Diavolo. Questo avverrà attraverso la distruzione di Satana e la sua organizzazione sia visiva che oscura, nella grande catastrofe che arriverà sulla terra, la grande guerra del Onnipotente Dio, L'armageddon. Poi il Suo scopo originale riguardante il pianeta terra si realizzerà secondo le sue parole: “Infatti così parla il Signore che ha creato i cieli, il Dio che ha formato la terra, l'ha fatta, l'ha stabilita, non l'ha creata perché rimanesse deserta, ma l'ha formata perché fosse abitata: «Io sono il Signore, e non ce n'è alcun altro.” - Isaia 45:18
      Di seguito nella scoperta che il glorificato Gesù Cristo dà al apostolo Giovanni, viene registrato il seguente aspetto: “Udii una gran voce dal trono, che diceva: «Ecco il tabernacolo di Dio con gli uomini! Egli abiterà con loro, essi saranno suoi popoli e Dio stesso sarà con loro {e sarà il loro Dio}. Egli asciugherà ogni lacrima dai loro occhi e non ci sarà più la morte, né cordoglio, né grido, né dolore, perché le cose di prima sono passate». E colui che siede sul trono disse: «Ecco, io faccio nuove tutte le cose». Poi mi disse: «Scrivi, perché queste parole sono fedeli e veritiere».” - Apocalisse 21:3-5
      Caro lettore, ricevere la testimonianza di Gesù Cristo significa fare un passo verso la vita eterna. Lui ci ha illustrato questo nelle parole: “«Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica sarà paragonato a un uomo avveduto che ha costruito la sua casa sopra la roccia. La pioggia è caduta, sono venuti i torrenti, i venti hanno soffiato e hanno investito quella casa; ma essa non è caduta, perché era fondata sulla roccia. E chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica sarà paragonato a un uomo stolto che ha costruito la sua casa sulla sabbia. La pioggia è caduta, sono venuti i torrenti, i venti hanno soffiato e hanno fatto impeto contro quella casa, ed essa è caduta e la sua rovina è stata grande».” - Matteo 7:24-27