Annunziante il Regno di Geova
Annunziante il Regno di Geova
Venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà, come in cielo cosi in terra.
Questo è il sito ufficiale dell' Associazione Internazionale Testimoni di Geova

Archivio argomenti

 
I CRISTIANI DEVONO DARE LA DECIMA?
 
Alcune organizzazioni religiose pongono un accento speciale sulla tassazione dei loro membri con un decimo del loro reddito annuale per sostenere i sistemi ecclesiastici. Si dice che tali richieste siano in armonia con le leggi sulla decima date all’antico Israele.

La prima menzione nella Bibbia della decima si trova in Genesi 14:20, dove si dice del patriarca Abramo che diede a Melchisedec un decimo del bottino della vittoria ottenuta in una battaglia. Poiché Cristo doveva essere un sacerdote secondo l’ordine di Melchisedec, e poiché l’apostolo Paolo racconta questo evento in Ebrei  e mostra la superiorità del sacerdozio di Melchisedec su quello levitico, alcune persone concludono che anche i cristiani devono dare la decima settimanalmente, mensilmente o annualmente al Grande Melchisedec, Gesù Cristo. (Ebrei 7:1-12) Trarre una conclusione del genere significa trascurare alcuni fatti molto importanti, cioè che c’è solo un esempio registrato della decima di Abramo. Quindi questa non era una cosa abituale per lui, e neanche non fissò un sistema di decima per i suoi discendenti. Il fatto che suo nipote, Giacomo, abbia fatto volontariamente una speciale alleanza di pagare la decima in determinate condizioni dimostra che loro non praticavano la decima. - Genesi 28:22.

Nell’estensione della Legge data sul Monte Sinai, le tasse della decima sulla terra, alberi da frutto, armenti e greggi furono prese per sostenere i Leviti, perché  non avevano un’eredità comune nel paese con le altre tribù. (Levitico 27:30-33; Numeri 18:21-32) Da questi fondi  si facevano anche certe cure per la consolazione di estranei, orfani e vedove. Sembra che gli aiuti ai poveri provenissero principalmente dalle decime del terzo anno. Per due anni le decime dovevano essere prese per il tabernacolo o tempio da Gerusalemme, ma nel terzo anno le decime dovevano essere date localmente e rese disponibili non solo ai leviti, ma anche per lo “straniero, orfano e vedova”. - Deuteronomio 12:5-7, 11, 12, 17-19; 14:22-29; 26:12-14.

Tuttavia, sotto il dominio oppressivo dei re d’Israele malvagi ed egoisti, le decime venivano sia trascurate o sia sottratte indebitamente, e di conseguenza la nazione non aveva la benedizione di Dio. (Malachia 3:8-11; 1 Samuele 8:10-18) Durante il suo regno, il buon re Ezechia restaurò le decime per il servizio del santuario. Di nuovo, dopo che gli giudei tornarono dalla cattività babilonese, e Neemia ha messo in ordine questa questione. – 2 Cronache 31:4-6; Neemia 10:34-39; 12:44; 13:5, 12.

Poi venne Gesù e il tempo per la fine dell’antica alleanza della Legge. Nato sotto questa Legge mentre era ancora in vigore, Gesù ne sostenne e adempì ogni parte, comprese le disposizioni per la decima. Tuttavia, il Suo unico riferimento alla decima era  in collegamento con l’insincerità degli religiosi formalisti e ipocriti, pagatori della decima - Matteo 23:23.

La legge con la decisione di concedere la decima è stata cancellata

Quanto non cerchiate, non troverete Gesù  raccomandare o consigliare la decima per i Suoi seguaci. Quando Gesù mandò i Suoi apostoli e discepoli a svolgere il servizio missionario di casa in casa e di città in città, fino alle estremità della terra, non si occupò del loro sostegno mediante la decima. (Matteo 10:1-42; 28:19, 20; Luca 9:1-10; 10:1-17; Atti 1:8) Gesù venne per adempiere e per porre fine all’alleanza della Legge e a tutti i suoi comandamenti, inchiodandola al Suo palo di tortura, e allo stesso tempo il Suo sangue versato mise in funzione una nuova alleanza con disposizioni  superiori. (Colossesi 2:14-16) Sotto un tale nuovo sistema ci sono i cristiani, sotto nuovi comandamenti, che si riassume all’amore totale o completo. Pertanto, devono dedicare al servizio di Dio non un decimo, ma tutto ciò che possiedono, per l’aiuto e accarezzare sconosciuti di buona volontà in mezzo a loro. - Matteo 22:36-40.

Ricordatevi come Gesù lodò la povera vedova che diede due soldi, per un valore di quasi un quarto di centesimo insieme. Non solo la decima parte, ma “tutto ciò che aveva, tutto ciò che gli restava per vivere”. (Marco 12:41-44) Lo stesso principio fu sottolineato nelle parabole di Gesù, come un uomo che trovava un “tesoro nascosto in una terra” ha venduto tutto, non un decimo, e comprò quella terra. Di nuovo, come il commerciante in cerca di perle ne trovò una preziosissima e ha venduto tutto per comprarla. (Matteo 13:44-46) Gesù non sosteneva il resoconto della decima per i cristiani quando disse al giovane ricco, che aveva osservato tutte le leggi di Mosè (includendo quella della decima), di vendere gli altri nove decimi della sua ricchezza per aiutare i poveri e poi seguirlo, in modo che lui poteva avere i veri tesori in cielo. (Matteo 19:20-22) Davvero i cristiani sono soggetti a una legge superiore!

Sono tanti che, dopo aver donato un decimo della loro ricchezza, vivono bene ogni altro giorno, esaudiscono tutti i loro desideri e vivono spendendo eccessivamente. Come potrebbero essi adempiere la legge di Cristo? O per dimostrare il sacrificio di sé? Invece di essere come Cristo, sono come i farisei. I farisei erano così esigenti nel dare la decima dai semi più piccoli (menta, aneto, cumino); ma quanto egoisti e quanto erano lontani i loro cuori dal Signore! “Guide cieche, che intrufolano la zanzara ma ingoiano il cammello!” (Matteo 15:6-9; 23:23, 24) Nell’uomo caduto, sotto l’influenza di Satana, esiste sempre la tendenza a sostituire lo spirito e la spiritualità con l’apparenza esteriore e il formalismo, i principi con le regole. Pertanto, è molto più facile conformarsi alla condotta di una regola che fare in modo che un principio ispiri tutta la vita. Mosè prescrisse delle regole; Cristo ha ispirato i principi. Le regole sono per i bambini; i principi sono per uomini e donne maturi nella maturità cristiana.

Decima sconosciuta nella Chiesa primaticcia

Dopo che Gesù è asceso, troviamo noi gli apostoli raccomandando la decima tra i cristiani? Affatto! Paolo, a cui fu affidata la cura di tutte le chiese (2 Corinti 11:28), dichiarò che la cura e le decisioni della legge mosaica erano solo “l’ombra delle cose celesti”, delle “cose ??a venire”, e quindi non erano la realtà delle cose spirituali. “Nessuno ti giudichi” riguardo alla Legge invalidata. I cristiani sono preoccupati della realtà, non delle ombre. - Ebrei 8:5; 10:1; Colossesi 2:12-17.

I cristiani non mantengono il sacerdozio levitico. Non esiste una “classe clericale” tra loro, per la quale vengono raccolte le decime. “Siete tutti fratelli.” (Matteo 23:8-11) Coloro a cui è stata affidata la sorveglianza delle adunanze cristiane sono quindi servi non pagati, non mercenari, amanti del denaro o avidi di guadagni egoistici. (Giovanni 10:13; 13:15, 16; Ebrei 13:5; 1 Pietro 2:16; 5:1-4) Questo è il motivo per cui Paolo, un sorvegliante, invece di raccogliere le decime per il suo sostentamento, lavorava con le proprie mani facendo le tende. (Atti 18:3; 1 Corinti 4:12; 1 Tessalonicesi 2:9) In quei tempi antichi, i cristiani, dimostrando il loro amore per Dio e per i compagni cristiani, davano contributi volontari ai poveri, sì, ma non era stato istituito un sistema oppressivo di decime. - Atti 11:29, 30; Romani 15:26; 1 Corinti 16:1, 2; 2 Corinti 9:1-7; Galati 2:10.

Sconosciuta nella chiesa primaticcia, la decima non fu introdotta finché i lupi non entrarono e saccheggiarono la semplice purezza del gregge cristiano. (Matteo 7:15; Atti 20:29, 30; Romani 16:17, 18; 2 Pietro 2:1, 3) L’apostasia ha dato origine a una gerarchia opprimente e costosa di vescovi, arcivescovi, metropoliti, papi, ecc., che hanno posto pesanti compiti finanziari sulle spalle della gente. Le entrate per questa classe di pigri dovevano essere ottenute in qualche modo, così che nel 567 il Consiglio di Tours rese obbligatoria pagare la decima. Nel 585 il Secondo Consiglio di Macon ne rese obbligatorio il pagamento di essa, sotto la pena della scomunica. Il Papa incoronato Carlo Magno impose la decima ovunque nel “Sacro Romano Impero”, e in paesi come la Francia la Chiesa Cattolica Romana continuò a riscuotere la decima fino alla Rivoluzione del 1790.

Varie denominazioni protestanti, anche se non danno molta importanza alla decima parte della pena di morte e non pretendano di essere vincolati dall’osservanza dell’intera Legge giudaica, danno certamente l’impressione che la legge mosaica della decima riguardi ancora i cristiani. Loro indicano Abramo e Giacobbe, che erano prima della legge mosaica. Attraverso questo processo, ogni anno centinaia di migliaia di dollari vengono versati nelle casse della chiesa. Come gli antichi farisei, “loro legano pesanti compiti e li mettono sulle spalle degli uomini, ma loro stessi non vogliono muoverli neanche con il dito”. (Matteo 23:4) Al clero che oggi riceve la decima potrebbe essere chiesto: Date la decima sulle vostre entrate per ciò che considerati essere la causa di Dio? I leviti davano la decima delle decime che ricevevano. Tenete tutte le decime per voi o per il lavoro della chiesa? I leviti non tenevano tutto. Vi prendete cura dei poveri della vostra congregazione dalle decime ricevute, come fece Israele?

Loro citano Proverbi 3:9: “Onora il Signore con le tue ricchezze e con le primizie di tutte le tue entrate”. Ma questo verso non dice nulla sull’onorare Dio solo il dieci percento. I cristiani devono consacrare tutto e mettere gli interessi del Signore al primo posto nella loro vita, per dargli tutto ciò che è meglio, “le primizie”. Citando Salmi 24:1 e 50:10, 11 e Aggeo 2:8, ecc., non sostiene in alcun modo il loro argomento infondato del dare la decima.

Gli avventisti del settimo giorno spiegano questo dilemma: Essi pretendono che il patto della Legge di Israele era diviso in due parti, i Dieci Comandamenti scritti sulla pietra e la legge cerimoniale dettata più tardi a Mosè. L’ultima parte, i rituali e le decisioni cerimoniali, dicono, che fu la parte che finì attraverso Cristo. Ebbene, allora come mai insistono così tanto per osservare la legge della decima, notando che questa non faceva parte del Decalogo, ma fece parte delle regole aggiunte? Loro sono catturati dal loro stesso errato dogmatismo!

I cristiani, nati dallo spirito di adozione, sono figli di Dio. Come figli, si trovano sotto il nuovo patto e danno tutto ciò che hanno al Signore. (Romani 8:14-17; 12:1) Essi vengono quindi resi amministratori nella casa di Dio e devono usare il loro tempo, i loro talenti e la loro ricchezza materiale in armonia con la perfetta legge di Dio dell’amore. Pertanto, devono pensare non dal punto di vista della decima, ma nel senso di devozione totale, e guadagnino così l’ingresso nelle dimore eterne tramite i loro veri Amici, Geova Dio e Suo Figlio Gesù Cristo. - Luca 16:9.