Annunziante il Regno di Geova
Annunziante il Regno di Geova
Venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà, come in cielo cosi in terra.
Questo è il sito ufficiale dell' Associazione Internazionale Testimoni di Geova

Lo studio della bibbia

 
 
    “Zaccaria” significa “memore di Jah”. Il libro biblico che porta questo nome fu scritto dal profeta di tale nome e contiene le parole dette da Geova per mezzo di lui. Zaccaria fu contemporaneo di Aggeo e cominciò a profetizzare due mesi dopo il primo discorso di Aggeo. Quindi le condizioni storiche della profezia di Zaccaria sono le medesime di quelle or ora esposte per Aggeo. Zaccaria è chiamato a volte “figliuolo d’Iddo”, ma il versetto introduttivo della sua profezia è più esplicito, e dice: “Zaccaria, figliuolo di Berekia, figliuolo d’Iddo”. Per Iddo era un figlio della seconda generazione. Che Zaccaria fosse stato sia sacerdote che profeta è indicato in Nehemia 12:12, 16. Quando iniziò il suo servizio profetico era ancora un uomo giovane e continuò in quel servizio per almeno due anni, fino al 518 a. C. (Zacc. 1:1; 2:4; 7:1; Esdra 5:1; 6:14).
    Il libro di Zaccaria è generalmente diviso in due parti: capitoli 1-8 e capitoli 9-14. La prima parte consiste principalmente di una serie di visioni che generalmente si riferiscono al tempio e alle speranze suscitate dalla sua ricostruzione, e termina con un discorso in risposta a domande riguardanti certe feste. Il profeta vede dei cavalieri del Signore che ispezionano la terra e ode la promessa del com-pletamento del tempio e della prosperità di Gerusalemme; vede le quattro corna che dispersero Israele e i quattro fabbri che devono abbattere le corna; ha la visione di un uomo con una corda da misurare in mano che si avvicina a Gerusalemme, il che predice l’espansione e prosperità di Gerusalemme e l’unirsi di altre nazioni al Signore; ode un rimprovero rivolto a Satana e vede i sudici vestiti del sommo sacerdote Giosuè sostituiti da un abito glorioso; un candelabro d’oro a sette lampade fiancheggiato da due ulivi per rifornirlo d’olio si presenta poi al suo sguardo intento ed egli ode le grida di “Grazia, gra-zia” annuncianti che erano state poste le fondamenta del tempio; ha la visione di un rotolo in volo recante la maledizione che si abbatte su coloro che derubano Iddio e prestano a lui falso giuramento; vede l’empietà babilonica tolta di mezzo al rimanente restaurato di Dio; infine, quattro carri trainati da cavalli appaiono come simbolo dell’organizzazione di guerra di Dio, e l’edificatore del tempio di Dio è identificato come “il Germoglio”, il quale sarà sacerdote sul suo trono. Gli ultimi due capitoli di questa prima parte rispondono che le cerimonie di penitenza e falsa compunzione dovrebbero far posto a tempi di gioia e d’esultanza, che la Sion restaurata avrebbe prosperato e che uomini di tutte le nazioni avrebbero afferrato “un Giudeo per il lembo della veste” per seguirlo a Gerusalemme a motivo delle benedizioni di Geova sul suo popolo.
    La seconda parte della profezia di Zaccaria, capitoli 9-14, ha il solito tono e carattere profetico, in contrasto con la precedente parte piena di visioni così simile alle profezie di Daniele e di Ezechiele. Molti critici della Bibbia sostengono che quest’ultima parte, per il mutamento di stile ed altre supposte evidenze, non fosse scritta da Zaccaria, ma da qualcuno vissuto molto prima del tempo di Zaccaria. A coloro che apprezzano non soltanto l’adempimento su piccola scala, ma anche la più importante questione dell’adempimento su scala maggiore, i loro erronei argomenti non fanno molta impressione. Il radicale cambiamento del soggetto è probabilmente la causa del mutamento di esposizione e di stile. Le forme consimili di espressione e analoghi messaggi profetici collegano le due parti. La cosa più convincente è che lo scrittore della seconda parte mostra di conoscere gli scritti dei profeti che seguirono la distruzione di Gerusalemme, ma nel fare allusione a ciò egli si riferisce al futuro adempimento antitipico di tali profezie. Quindi la seconda parte non potrebbe essere stata scritta da uno vissuto molto tempo prima di Zaccaria, ma, come la prima, dev’essere stata scritta dopo l’esilio degli Ebrei. Zaccaria fu indubbiamente colui che Geova adoperò per scrivere tutti i quattordici capitoli del libro che porta il nome di questo profeta.
    Quest’ultima parte dichiara la vendetta contro le nazioni pagane, predice l’entrata di Cristo, montato su un asino, come Re a Gerusalemme, l’estensione del governo del Regno a tutta la terra, il radunamento del Suo popolo, il tradimento di Cristo per trenta pezzi d’argento, lo spirito di Dio sparso sul rimanente dopo il suo pentimento, la vergogna dei falsi profeti e l’inutilità di celare la propria identità, e la caduta di due terzi del popolo e la salvezza di un terzo (un rimanente) mediante la purifi-cazione. L’ultimo capitolo predice l’assalto internazionale contro Gerusalemme nel giorno di Geova, il “monte degli Ulivi” spaccato per dare rifugio al suo popolo, l’incontrastata sovranità di Geova sopra la terra, la piaga con cui egli colpirà gli oppositori, e la Sua regolare adorazione anno dopo anno da parte del popolo e mediante l’organizzazione del Suo tempio santo.
    Molte profezie di Zaccaria sono state adempiute, e il loro adempimento al cento per cento in un compimento su scala maggiore non è molto lontano. Per i riferimenti a profezie di Zaccaria nelle Scritture Greche Cristiane, confermanti ulteriormente l’autenticità del libro, confrontate Zaccaria 8:16 con Efesini 4:25; Zaccaria 9:9 con Matteo 21:4, 5 e Giovanni 12:14-16; Zaccaria 12:10 con Giovanni 19:37; Zaccaria 13:7 con Matteo 26:31 e Marco 14:27, che indicano l’adempimento di tali profezie su piccola scala.